venerdì 12 aprile 2013

"L'uomo che attraversò il tempo per me": anteprima




In attesa del romanzo, che uscirà domani nella nuova versione proposta da Triskell Editore, un breve estratto da L'uomo che attraversò il tempo per me:


"Ti sei già chiesta se sia amore? Probabilmente sì. Ma questa domandate la sarai posta al primo sguardo. Avrai sottoposto il malcapitato all’esame più meticoloso e tecnico della sua vita, e lui nemmeno lo sa. Avrai scandagliato l’esaminato ai raggi X, un po’ come Robocop. Altezza, corporatura,capelli, occhi, linea del viso: no a mascelle squadrate, mani rosicchiate, labbra strette, denti radi, riporti da calvizie, capelli arruffati, barbe incolte o pizzi tipo moschettiere, tinture strane, sguardo assente o da furbastro. ...


Abbigliamento: niente pantaloni con cavallo lungo fino alle ginocchia, scarpe rotte, completi yuppie, cravatte oscene, collane d’oro su camicie dai becchi lunghi sbottonate, croste o macchie indelebili sui vestiti,colori sgargianti quando piove, gemelli sul polsino, bretelle e cinta assieme(per la teoria di Billy Wilder che chi se le mette entrambe è un tipo esageratamente prudente).
Comportamento: bandire chi parla al telefono in libreria, ma in ogni caso ovunque in pubblico, come se si trovasse alla stazione, e chi va al cinema senza cognizione di causa e poi passa il tempo della proiezione a fare battute idiote e disturbare gli spettatori per sentenziare, alla fine, che il film era uno schifo; evitare chi cammina da lumacone, attacca bottone con frasi imbarazzanti rimediate da un amico che dice di saperla lunga sulle donne, chi si caccia le dita nel naso, nonché tutti coloro che hanno tic e nevrosi mai curate o mal curate; alla larga dai presuntuosi, gli scettici, i materialisti,i nostalgici di quando non c’era la tecnologia e quelli che cambiano computer una volta a settimana (perché potrebbero usare lo stesso metro anche per le donne), cafoni maneschi, uomini affetti da sindrome di Peter Pan, studentelli imberbi, professionisti della mano morta.
Cultura: fondamentale la conoscenza a menadito di storia, letteratura mondiale di ogni tempo e ogni paese, arte (si richiede in aggiunta di sapere la distinzione tra Monet e Manet), astronomia, musica (non limitata ai rocchettari dell’ultima generazione), cinema (al largo chi non ha mai sentito nominare Milius, Siegel, Murnau, Wise e Kazan, e chiunque non abbia mai visto almeno un film di Woody Allen). Preferibile un artista che voglia fare dell’arte il suo mestiere. Si gradisce conoscenza base di matematica, chimica e fisica. Niente ignoranti fieri di esserlo, né saccenti professoroni fieri della propria ignoranza umana ed emotiva.
Lingua: astenersi dialetti marcati, parlate rozze e volgari, bagaglio linguistico volutamente raffinato e ricercato con il solo intento di mettere in mostra l’erudizione, gergo alla moda che si sente soltanto nei filmetti per adolescenti in cui il solito bulletto della scuola fa la corte per scommessa alla solita quattrocchi un po’ imbranata ma bella dentro e poi se ne innamora.
Politica: richiedesi semplicemente apertura mentale.
Cuore: purché batta, di cuore"

Per il sito ufficiale dell'editore: Triskell.

Nessun commento:

Posta un commento