sabato 4 maggio 2013

L'uomo che attraversò il tempo per me: un breve estratto



"Accucciata sul letto, stasera, appena rientrata, ho rispolverato le vecchie cose. Abbiamo tutti, credo, una scatola in cui teniamo i nostri ricordi fatti oggetto. Può essere una scatola di cartone, comperata apposta, con una bella fantasia ormai cancellata e gli angoli limati, o magari un contenitore di plastica, di quelli che in cucina sono serviti per tenere cioccolatini e dolciumi e dei quali non si sa più che farsene. Io ne ho una così. Era servita per una spedizione di prodotti cosmetici ed era talmente spessa e resistente che mi ero convinta a tenerla per farne qualcosa di utile. Un giorno, dopo essere passata in cartoleria e avere scelto la carta da pacchi più bella del negozio, avevo rivestito lo scatolone con cura e ci avevo messo dentro un po’ di cianfrusaglie che non volevo più tra i piedi.
Erano i ricordi di John. Alcuni regali, biglietti di spettacoli visti assieme, vecchi diari infarciti di entusiasmo sulla bellezza della mia vita con John, e poi le lettere di John, gli stracci di un sentimento mai veramente sincero. Leggendole ora, avverto un inconfondibile odore di menzogne..
Vago nel passato, aprendo la scatola. È come uno scrigno che rivela la sua inalterata e malinconica magia. Rileggo tutto e ogni cosa torna alla memoria, anche quello che avevo voluto scordare.
Vorrei tornare piccola, vorrei tornare indietro nel tempo, vorrei tornare al passato e cambiare strada, cambiare scelte, cambiare vita. Ma tutto questo non posso, la mia adolescenza è finita, l’affluire di ricordi si rianima solo nei sogni in dormiveglia.
Se chiudo gli occhi, adesso, posso ancora sentire la musica dei miei anni più verdi. Un coro di anime mute vaga nella mia testa senza trovare pace.
Non c’è più fine, al tormento dei miei fantasmi. Affollano la stanza. Posso vedere i miei anni malconci, appoggiati alla finestra, che spiano la vita gioiosa degli adolescenti di oggi.
Eccoli lì, sotto la luce lilla delle tendine romantiche che avevo appese in cameretta, a sognare di recuperare il tempo perduto.
Mi siedo accanto a loro.
Ai miei diciassette anni, vorrei chiedere perché"

(L'uomo che attraversò il tempo per me, Triskell Edizioni)

E' possibile acquistare il romanzo presso le maggiori piattaforme di distribuzione o presso il sito di Triskell Edizioni.
Per leggere un estratto, cliccare QUI.